La Tessitrice di Sogni

Nessuna illusione è reale. Finché non uccide.

Disponibile in formato ebook e cartaceo su Amazon

ISBN ebook: 978-1-922474-20-9

ISBN cartaceo: 978-1-922474-17-9

Editore: Mango Hill Books

2,99
12,99
Fidatevi dei vostri sogni, perché in essi è nascosto il passaggio verso l’eternità.
Khalil Gibran
TRAMA

Con l’obiettivo di scovare un Tessitore di Sogni per entrare in possesso dei segreti custoditi nella mente dei Dormienti, Skoll setaccia senza sosta le terre dei Cinque Regni.

Quando sembra aver finalmente individuato nella giovane vedova Dhalia la sua preda, la ragazza è già in viaggio verso la capitale fortificata, mescolata tra la massa di contadini in fuga dalla guerra divampata nelle Terre del Sud e che sta per travolgere Nemberia.

Mentre gli alchimisti promettono di rafforzare i soldati in battaglia grazie a una potente droga psicotropa e letali creature oniriche emergono dagli incubi, Dhalia dovrà trovare la forza di sconfiggere la paura e le proprie insicurezze per accettare il potere che le scorre dentro: la vita dell’uomo dallo strano elmo e dai vestiti d’argento che le appare da tempo in sogno, chiedendole aiuto, è appesa a un filo. Annodato tra gli artigli del Cacciatore.

INCONTRA ALCUNI PROTAGONISTI

Skoll

Faccio un respiro profondo e m’impongo la calma: se è necessario parlare con quei mocciosi, devo assumere un contegno e un aspetto amichevoli. Getto indietro il cappuccio dentro il quale sono solito nascondere il volto, anche se non sono certo che la mia chioma rosso fiamma abbia un effetto più tranquillizzante del mantello nero, e mi passo una mano a strofinare il mento appuntito. Avanzo nel cortile sfoderando il migliore dei sorrisi che, tuttavia, sortisce soltanto l’interrompersi dal gioco di quanti mi vedono avvicinare e lo scambio reciproco di occhiate cariche di timore. Continuo a mostrare la dentatura, che so essere bianca e perfetta e quindi penso non possa che suscitare ammirazione, e cammino con fare rilassato. Decido d’infilarmi i guanti per nascondere gli artigli che escono come prolungamenti dalle dita affusolate dalla pelle bianchissima: non una vista rassicurante per nessuno, specialmente per dei marmocchi. Care ingenue sciocche creature, così facilmente malleabili!

Dhalia

«So che potrei morire nei prossimi giorni» riprende, «e forse accadrà. Ne sono consapevole e non mi sottraggo, davanti al mio dovere. Per questo sono ancora più grato al Sacro Fondatore per avervi posto sul mio cammino. La Madre vi ha concesso il grande potere di disegnare i sogni. Ecco… io vi chiedo questa notte un sogno nel quale possa stare con Glenda e Charles.» Mi guarda con occhi carichi di aspettativa, ma non so che cosa rispondere. «Consideratelo l’ultimo desiderio di un condannato, se questo vi fa sentire più bendisposta ad aiutarmi.»
«Non dite sciocchezze, conte di Snakestone» replico, brusca. «Sarebbe sufficiente che prendeste il vostro cavallo, ora, e tornaste a casa per rendere vostra moglie la donna più felice del mondo.»
«Vi prego.»
Si avvicina e lo sguardo che mi rivolge è quello di un supplice.
Mi mordo un labbro. Dovrei? Perché no… in fondo lo posso fare. Posso creare la più splendida delle illusioni, la più perversa delle bugie che si possa concedere a due persone che si amano: incontrarsi in un mondo irreale.

Kylian

«È stato un viaggio terribile, signore» sospira Julius, facendosi aria con il cappello, non appena raggiungiamo l’altopiano di Akçakel. La pianura alle spalle delle mura della capitale di Nemberia ci appare come un accampamento immenso, disseminato di stendardi e di tende con i colori delle casate delle Terre del Sud. Gruppi di soldati si muovono indaffarati a predisporre altri campi e recinti per accogliere i cavalli delle truppe che continuano ad affluire.
«Non siamo che al punto di partenza, Julius» commento, studiando il terreno in cerca di un luogo dove far montare le nostre tende. «Temo che la guerra presenterà scomodità maggiori.»
So che il burocrate trova irritante il mio umorismo e infatti lo vedo cercare, senza successo, di trattenere una smorfia di disappunto. Eppure, tra i due, sono io il più infastidito dalla nostra forzata compagnia. Trovo umiliante che mio padre mi abbia imposto la presenza del vecchio ministro, come se fossi ancora un bambino e non potessi partecipare al Consiglio da solo.

Sono davvero rimasta piacevolmente sorpresa da questa storia così inusuale e intensa. Questo scritto è intenso, dettagliato, davvero ben scritto e coinvolgente; mentre lo divoravo mi trovavo a immaginare ogni aspetto della vicenda nei minimi dettagli quasi come fosse un film.
Elenia
Lettore Amazon
Non siamo innanzi al solito fantasy “patinato”, ma abbiamo personaggi mossi dai bassi istinti tipici dell’umanità e capaci di guadagnarsi un ruolo fondamentale nello sviluppo della vicenda. Cattivi finalmente credibili e mossi da obiettivi ben precisi.
Scrittori Indipendenti
Blog letterario

Additional information

Formato

Ebook, Cartaceo

Category
Tags , , , , , ,